Etichettato: 25 aprile

La memoria rende liberi.

Liliana Segre a Servigliano, appena due giorni prima dell’Anniversario della Liberazione. Un evento che avrebbe potuto richiamare cittadini e cittadine a frotte, ma a cui, incomprensibilmente, non è stato dato il giusto risalto mediatico. La piazza di Servigliano avrebbe meritato di accogliere le parole vivificatrici della senatrice.

Saltate i primi 20 (inutili) minuti del politicume locale. 
Poi ascoltate.
«[…] Ho una grande pena per quella ragazzina di cui parlo, è una mia nipote, e quindi c’è questo senso di sdoppiamento in me […] io sono la nonna di quella ragazzina sola, infelice, con tutti i vuoti e l’orrore che ha dovuto vedere. 
Questo mi pesa sempre di più […] Io sono vecchia, vecchissima, ma sono sempre quella bambina che doveva fare la terza elementare e per la colpa di essere ebrea si è vista chiusa la porta della scuola e si ottant’anni dopo si vede aprire la porta del Senato.»

Annunci

Fucilazione

Bolle di sapone

Un bambino faceva le bolle di sapone
dalla finestra quando mi fucilarono
sulla piazza piantata di alberi senza nome
una mattina deserta con poco sole
tra i rami secchi che non trattenevano le voci,
tra quinte grige di imposte sprangate
oscillavano effimere formazioni, grappoli
subito disfatti in acini trasparenti.
Un bimbo, solo una tenera macchia viva
in un rettangolo nero,
c’era un vasetto rosso sul davanzale,
la sola cosa rossa di quel giorno tutto grigio,
io non potevo vedere i suoi occhi
sentivo la sua anima appendersi dondolando
in cima alla cannuccia di paglia,
staccarsi con un brivido, volare in silenzio,
trattenere il fiato per pregare il vento,
attraversare il poco sole in punta di piedi,
rapita in una smorfia di felicità.
I miei carnefici gli voltavano le spalle,
nessuno di loro poté vedere le sue mani
sollevarsi in adorazione quando una bolla
più gonfia, la più bella di tutte,
partì dal davanzale come un pianeta di cristallo
e prima di scendere sali verso il tetto
come una preghiera, come una favola,
piena d’ogni dolcezza che non si può perdere,
intatta e vera per il suo tempo giusto,
non ci sono abbastanza plotoni d’esecuzione
in questo mondo e in ogni altro
per fucilare tutte le bolle di sapone.

— Gianni Rodari